top of page
Cerca
  • Elioda Axhi

Stili educativi

Lo stile educativo è costituito dall’insieme di quegli atteggiamenti che i genitori manifestano nei confronti dei figli e che creano quel clima emotivo nel quale i genitori attuano i loro comportamenti. Qua sotto sono riportati alcuni esempi principali riguardo allo stile educativo e le conseguenze che possono avere sul bambino e sulla sua crescita.



Stile autoritario


Si tratta percepiti troppo direttivi non interessati al punto di vista del bambino, alle sue emozioni, prevalentemente disapprovanti, eccessivamente preoccupati di

salvaguardare le apparenze e la propria immagine. Sul bambino ci saranno delle conseguenze caratterizzata da passività e iperdipendenza, poca fiducia in se stesso, ansia nell’essere spontaneo timore dei genitori insicurezza emotiva sensazione di avere poco controlli sugli eventi sensazione di completa impotenza nel tentativo di comunicare il proprio punto di vista.


Stile Iperansioso

Si riscontra nei genitori che sono eccessivamente preoccupati per l’incolumità fisica del figlio. Attraverso frequenti frasi del tipo: “non correre, potresti cadere e farti male”; “non toccare il gato, potresti prendere delle malattie”, il messaggio che i genitori trasmettono al figlio è che ovunque vi possono essere dei pericoli, pertanto è necessario stare sempre attenti. E’ uno stile che invita alla ricerca ossessiva di sicurezza e che preclude al bambino la possibilità di crescere e di imparare, rendendolo probabilmente un adulto ansioso.



Stile perfezionistico

E’ lo stile adottato dai genitori che desiderano il “figlio perfetto” ed esigono da lui alti livelli di prestazione in qualunque campo (scuola, sport, relazioni sociali). Alla base di tale stile vi è nei genitori la convinzione che il valore del figlio, così come il proprio, dipenda dai successi che egli ottiene. Il bambino “fa proprio” l’atteggiamento perfezionistico dei genitori, e vive di conseguenza con grande ansia ogni impegno (un compito, una gara, ecc..), ritenendo di non dovere assolutamente sbagliare.


Stile incoerente

Tale stile educativo è caratterizzato da un’imprevedibilità della risposta dei genitori al bambino, per cui il rimprovero o la punizione sono dati in base all’umore dei genitori, piuttosto che sulla base del fatto che il comportamento del bambino sia adeguato o meno. I genitori sono disponibili ma introvabili affettuosi e repulsivi elargenti approvazioni e critiche. Inaffidabili nel mantenere le promesse. L’incoerenza è data anche da rimproverare il figlio, senza aver stabilito con lui regole chiare. Si tratta di uno stile educativo che genera nel bambino ansia, disorientamento e insicurezza, e che lo lascia privo di punti di riferimento.



Stile educativo distaccato


Si tratta genitori sono percepiti come incapaci di trovare del tempo per il figlio in difficoltà a mostrare sentimenti di affetto attenti a risparmiare energie per loro stessi centrati sul lavoro e su altre attività deleganti l’interazione quotidiana con il

figlio affaticati dai compiti educativi: l’educazione è un dovere e non un divertimento presenti solo se disubbidiente. Probabili conseguenze sul bambino sono la convinzione di non essere amabile insicurezza riguardo il posto occupato negli affetti dei propri genitori desiderio di approvazione e calore, temendo allo stesso tempo l’intimità

emotiva sensazione di ansia costante derivata dall’incertezza di essere veramente amato.


Stile educativo equilibrato.


Dal punto di vista del bambino i genitori sono percepiti come affettuosi e fermi al bisogno flessibili e ragionevoli capaci di: dimostrare calore e approvazione ottenere controllo con affetto ascoltare ignorare le birichinate meno gravi riconoscere i suoi successi permettergli di scegliere fissare limiti ben precisi e regole condivise farli rispettare.


AUTOSTIMA


E’ una qualità esistenziale. Fa parte

delle fondamenta della nostra

esperienza psicologica e determina

in modo radicale la nostra vita.


Se ben sviluppata siamo più felici,

meno vulnerabili, abbiamo

relazioni più soddisfacenti e una

migliore qualità di vita.


FIDUCIA IN SE

STESSI


E la misura di ciò che riteniamo

essere in grado di fare, di quanto

pensiamo essere validi e capaci .


Fiducia in se stessi e autostima

sono connesse: a una sana

autostima corrispondente una

buona fiducia in se stessi.


Il senso di autostima del bambino viene

alimentato da due esperienze:


essere ”visto” dalle persone importanti

ed essere da esse identificato per quello

che è.


essere “riconosciuto” e apprezzato

dagli altri sia per la persona che è sia

per i traguardi che raggiunge.


Un atteggiamento di non

accettazione e critica

distrugge sia l’autostima sia

la fiducia in se stesso del

bambino

22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sì o NO?

bottom of page